GNOCCHETTI SARDI CON PESTO DI SEDANO, MANDORLE E POMODORI SECCHI

Se la settimana scorsa, con la mia quiche al radicchio e Asiago, ho omaggiato il Veneto, oggi si rotola verso sud con i malloreddus, più comunemente conosciuti come gnocchetti sardi. Si tratta di uno dei miei formati di pasta preferiti e ricordo che quando ero bambina e andavo al supermercato con mia madre, davanti a tantissime tipologie, sceglievo spesso loro. Oggi ve li propongo accompagnati a un condimento davvero gustoso che mi ha consigliato una mia collega di lavoro. In occasione di chiacchiere a tema “cibo” si stava parlando di sedano e di come sfruttarlo in cucina in modi diversi dal semplice pinzimonio o in accompagnamento a formaggi a pasta molle come stracchino o gorgonzola. Assieme a pomodori secchi e mandorle, lei lo usa per preparare un pesto per la pasta e, ispirata dall’idea, le ho rubato la ricetta. Oltretutto è un’ottima soluzione per utilizzare le foglie del sedano che spesso si scartano ma che in realtà hanno un sapore e un profumo intenso e possono dare carattere a molti piatti.


INGREDIENTI (per 2 porzioni)

  • 160 g di gnocchetti sardi
  • 40 g di foglie di sedano
  • 50 g di mandorle
  • 80 g di pomodori secchi sott’olio
  • 100 ml di olio evo
  • sale e pepe q.b.

PROCEDIMENTO

Lavate bene le foglie del sedano e mettetele nel mixer assieme alle mandorle precedentemente tostate in padella, i pomodori secchi, l’olio e un pizzico di sale e pepe. Frullate il tutto fino a ottenere un composto cremoso.

Cuocete i gnocchetti sardi in abbondante acqua salata, scolateli e conditeli con il pesto, aggiungendo, se necessario, un altro filo d’olio.


PREPARAZIONE: 10 minuti – COTTURA: 13/14 minuti DIFFICOLTÀ: bassissima – SPESA: 3,5/4 euro